Qualità salutistiche
Le origini dell'ulivo sono molto remote: tracce fossili, nella zona mediterranea, risalgono a milioni di anni fa ancor prima della comparsa dell'uomo. Secondo la mitologia greca, la dea Atena, durante una gara con Poseidone, gettò una goccia d'acqua su una roccia e li sorse l'ulivo. Questa pianta era ritenuta sacra, simbolo di pace, gloria, fertilità, abbondanza, sapienza e potenza. Era in grado di nutrire e curare; con le sue fronde si incoronavano i vincitori e il suo olio veniva servito ai personaggi più potenti.

Le proprietà salutistiche dell'olio d'oliva erano ampiamente riconosciute già oltre 5000 anni fa dagli Egizi e dagli Etruschi che lo usavano anche per combattere le rughe e idratare la cute.
E' ormai dimostrato scientificamente che l'olio extravergine di oliva è un presupposto essenziale per uno “stile di vita sano”, infatti, è ricco di vitamine, antiossidanti, carotene e polifenoli; da recenti studi i polifenoli sono ritenuti inibitori dei recettori HER-2 presenti nelle neoplasie (tumori) della mammella, colon, stomaco e prostata. Può contribuire alla prevenzione del rischio cardiovascolare e dell'arteriosclerosi riducendo l'apporto dietetico di acidi grassi.
Nel 2010 il comitato intergovernativo dell'Unesco, ha proclamato la dieta mediterranea patrimonio culturale dell'umanità e l'olio extravergine di oliva il prodotto base.
Come sostengono i nutrizionisti, l'olio extravergine d'oliva è un prodotto che aiuta la digestione ed è ottimamente assorbito dall'organismo di ogni individuo di qualsiasi età.

Chiaramente se l'olio è puro e non ha subito aggiunte di altre sostanze, quali gli addittivi chimici presenti nella maggior parte degli oli in commercio, risponde in modo completo a questi requisiti salutistici. E' il caso dell'olio Dulcis Olivetum, che garantisce proprietà organolettiche eccellenti e qualità decisamente superiore.